'Il PNRR è un'occasione unica e irripetibile'

"La quota del 40% del PNRR al Sud è solida e messa nero su bianco e grazie anche alle scelte attuate in questo periodo in tema di coesione daranno la possibilità di colmare quel divario storico con la parte più sviluppata del nostro Paese. Al Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio, come sottolineato anche dalla ministra Mara Carfagna in diverse occasioni, è stata assegnata la responsabilità del monitoraggio e il compito di sottoporre gli eventuali casi di scostamento alla Cabina di regia a cui partecipano di volta in volta i ministeri competenti affinché sia rispettato il vincolo del 40%. È stato ottenuto di poter effettuare dei controlli non solo ex post dei bandi ma anche ex ante e questo aiuterà ad evitare non solo che la quota Sud rimanga su carta ma anche che non vi siano sorprese di una distribuzione non in linea con l’indirizzo di Governo. Grazie anche agli strumenti che il MEF ha messo in campo i Comuni potranno aumentare la loro capacità progettuale e quindi garantire che la crescita benefici tutti. Il PNRR è una occasione unica e irripetibile che non possiamo lasciarci sfuggire, il Sud ha diversi atout da giocare e i fondi messi sul tavolo con il PNRR non lasciano spazio a possibili attenuanti né ad alibi. Ora è possibile veramente cancellare il divario tra Nord e Sud che ormai non ha più senso di esistere”.

Lo dichiara la sottosegretaria Dalila Nesci.

Torna all'inizio del contenuto