Fondi strutturali 2021-'27, più risorse per Marche e Umbria

10 novembre 2021

"La bozza di Accordo di partenariato prevede per la programmazione operativa regionale risorse per 1 miliardo e 100 milioni alla Regione Marche e circa 813 milioni alla Regione Umbria". Ad annunciarlo nell'Aula di Montecitorio è stata il sottosegretario Dalila Nesci, rispondendo a una interrogazione parlamentare a risposta orale.

Il sottosegretario con delega al Sud e la Coesione territoriale ha ricordato la Decisione di esecuzione della Commissione Europea che "ha determinato la riclassificazione delle Regioni Marche e Umbria da Regioni più sviluppate e Regioni in transizione".

"Il governo - ha spiegato Nesci - ha tenuto debitamente conto della situazione di disagio determinatasi per queste due Regioni nell'ambito dell'Accordo di partenariato, in corso di approvazione, sui Fondi strutturali per il periodo 2021/2027, prevedendo un incremento del tasso di cofinanziamento nazionale che si accompagna alle risorse europee dal minimo regolamentare del 40% sino al 60%". Da qui, l'aumento delle risorse previste per i POR Marche e Umbria nel nuovo ciclo di programmazione.

In merito alle ulteriori iniziative da promuovere a vantaggio delle due Regioni, il sottosegretario ha ricordato che "il ministro per il Sud ha mostrato particolare attenzione alla questione, promuovendo in sede di conversione parlamentare l'estensione anche a Umbria e Marche del fondo di progettazione territoriale, con conseguente incremento dello stesso". Inoltre, "è già iniziata l'interlocuzione con la Regione Marche per una ipotesi di estensione al territorio marchigiano della ZES Abruzzo, cui potrebbe eventualmente aderire anche la Regione Umbria".

Fondi strutturali
Torna all'inizio del contenuto