Il Fondo progettazione è prorogato fino a febbraio 2023

5 agosto 2022

Il decreto-legge 'Aiuti bis' facilita l'utilizzo delle risorse e consente ai Comuni fino a 20mila abitanti di destinarle a progetti di fattibilità.

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto-legge 'Aiuti bis', che comprende anche una norma promossa dal ministro per il Sud e la Coesione territoriale, volta a favorire i Comuni che vogliono accedere al cosiddetto Fondo di progettazione territoriale, che lo stesso ministro Carfagna aveva promosso nei mesi scorsi.

Si tratta di un Fondo pari a circa 161,5 milioni di euro, utili a favorire la partecipazione ai bandi PNRR e delle politiche di coesione di piccoli Comuni, Province e Città metropolitane delle regioni del Sud, Marche e Umbria, nonché dei centri delle aree interne. Grazie a queste risorse, infatti, i Comuni possono indire concorsi di progettazione e idee, utilizzando poi il progetto vincitore per candidarlo ai bandi. Inoltre, i Comuni più piccoli possono anche utilizzare il Fondo per affidare direttamente progetti di fattibilità tecnica ed economica.

>> Leggi tutte le informazioni sul Fondo di progettazione, con l'elenco delle amministrazioni beneficiarie e le relative somme spettanti

Il nuovo decreto-legge introduce due modifiche, che sono state sollecitate dalle amministrazioni locali attraverso le loro associazioni, l'ANCI e l'UPI.

Innanzitutto, sarà possibile indire i concorsi (pubblicando appositi bandi) o affidare gli incarichi per i progetti di fattibilità tecnica ed economica entro il 18 febbraio 2023 e non più solo fino al 18 agosto 2022. La proroga della scadenza (da sei a dodici mesi dalla pubblicazione del relativo DPCM) consentirà quindi di accedere alle risorse anche a quegli enti territoriali, che altrimenti non avrebbero fatto in tempo.

Inoltre, è ampliata la platea dei Comuni che possono utilizzare la quota spettante del Fondo anche per affidare progetti di fattibilità tecnica ed economica. La soglia massima passa infatti da 5.000 a 20.000 abitanti: tutti i Comuni assegnatari che non superano questo limite potranno scegliere se destinare le risorse a concorsi o a incarichi per i progetti di fattibilità.

    

PER APPROFONDIRE
>> Leggi la guida con le misure realizzate dal governo per sostenere le amministrazioni impegnate nei progetti del PNRR e delle politiche di coesione

pubblica amministrazione
Torna all'inizio del contenuto