Finanziati 27 ecosistemi dell'innovazione al Sud

27 giugno 2022

Pubblicata la graduatoria relativa al bando PNRR. Grande partecipazione, si apriranno nuove opportunità con i fondi per la coesione.

Sono 27 i progetti di ecosistemi dell'innovazione da realizzare in contesti urbani marginalizzati delle regioni meridionali, che saranno finanziati grazie alle risorse messe a disposizione dal Fondo complementare al PNRR, pari a 350 milioni di euro. La graduatoria conclusiva della procedura negoziale è stata pubblicata dall'Agenzia per la Coesione territoriale.

>> Leggi l'elenco dei progetti finanziati e il relativo importo del contributo

>> Leggi la graduatoria dei progetti che hanno partecipato alla procedura negoziale

Il bando, che rientra tra quelli di competenza del ministro per il Sud e la Coesione territoriale, ha visto una grande partecipazione. A fronte delle 270 idee progettuali presentate, 177 sono state giudicate idonee a partecipare alla seconda fase e, di queste, 146 hanno partecipato e sono state ammesse alla graduatoria finale.

A brevissimo termine, l'Agenza per la Coesione territoriale stipulerà un'apposita convenzione con i soggetti promotori dei 27 progetti ammessi al finanziamento.

"A soli sei mesi dall'avvio dei bandi, entra nella fase operativa uno dei progetti più significativi del 'Capitolo Sud' del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza", commenta il ministro Mara Carfagna. "La larga partecipazione ci conferma che le strutture universitarie del Sud hanno voglia e capacità di mettersi in gioco e possono davvero essere il traino di un nuovo corso finalizzato alla crescita, ma non solo. Il modello degli ecosistemi dell'innovazione tiene insieme la ricerca e l'impresa con il recupero di aree marginali: ha un valore sociale significativo, sfaterà stereotipi, offrirà una prospettiva a centinaia di giovani che oggi sono costretti a cercarla al Nord o all'estero".

L'investimento incluso nel Piano complementare al PNRR, infatti, si caratterizza per la promozione di progetti che comprendono il valore innovativo e la riqualificazione e rifunzionalizzazione dei siti nei quali saranno realizzati. Ex aree industriali, edifici storici, fabbricati senza una specifica funzione potranno trasformarsi in luoghi di ricerca e sperimentazione dove impresa, università e amministrazioni lavorano insieme.

In questo modo, sarà possibile ottenere per il territorio benefici sia economici che sociali (attrazione e contrasto alla migrazione di capitale umano altamente qualificato, coinvolgimento dei giovani, formazione dei lavoratori residenti nell'area, promozione delle pari opportunità di genere e generazionali, nonché l'inclusione professionale delle persone con disabilità). La durata del progetto non può superare i 36 mesi.

Per i progetti che - a causa dell'esaurimento delle risorse previste - non sono riusciti a ottenere il finanziamento, si apriranno nuove opportunità grazie al Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, che prevede tra le proprie finalità anche la realizzazione di ecosistemi dell'innovazione al Sud (vedi qui).

    

PER APPROFONDIRE:
>> La scheda del bando per gli ecosistemi dell'innovazione al Sud del Fondo complementare al PNRR

Pnrr
Torna all'inizio del contenuto