Ecco le iniziative per dotare i sindaci del Sud di soldi e tecnici per il PNRR

5 novembre 2021

"Ho spiegato per mesi che la quota del 40 per cento del PNRR era oggettivamente il massimo che si potesse sperare di assorbire sui territori meridionali in cinque anni: l'attuale riflessione dei sindaci conferma questa mia convinzione e consente un confronto più realistico sul sostegno da dare alle amministrazioni, sulla quale sono già attivate diverse iniziative". Lo afferma il ministro Mara Carfagna in una intervista pubblicata sul quotidiano la Repubblica.

Il ministro per il Sud e la Coesione territoriale spiega quindi quali sono le iniziative in atto per potenziare la dotazione di tecnici e professionisti dei Comuni: "La prima tornata del Concorso Sud ha consentito di selezionare 775 tecnici e le procedure finalizzate alle assunzioni sono in corso. Il secondo bando, che prevede una maggiore apertura ai giovani professionisti, è già aperto e va a scadenza il 15 novembre: selezionerà in tempi brevi altre 2.022 risorse tecniche. E poi c'è il fondo in favore di Regioni ed enti locali per il conferimento di incarichi di collaborazione a professionisti ed esperti: il 40 per cento, 128 milioni circa in quattro anni, andrà al Sud. Ma lo stanziamento principale riguarda i fondi per la progettazione: 161 milioni a disposizione di piccoli Comuni, aree interne, province e Città metropolitane del Sud per dotarsi di un parco progetti affidandosi a professionisti privati. Una città come Napoli avrà a disposizione circa un milione di euro. Ovvio che tutto ciò non è sufficiente a colmare i vuoti d'organico accumulati negli anni dai Comuni, ma stiamo cercando di fare il massimo per attivare un circuito virtuoso tra progettazione, investimenti, ricadute sul territorio".

Carfagna anticipa un'ulteriore opportunità: "I miei uffici stanno lavorando nell'ambito dei Fondi europei a un progetto che individuerà risorse da destinare a un ulteriore potenziamento degli organici in tempi brevi". Il ministro ricorda, quindi: "Nei casi estremi, se e dove non si riuscisse comunque a rispettare i tempi, un elemento importante della rete di sicurezza che abbiamo già attivato saranno i poteri di affiancamento, o addirittura sostituzione, affidati alla Cabina di regia del PNRR".

Infine, il ministro Carfagna si sofferma sulle preoccupazioni manifestate dal sindaco di Napoli, spiegando che la situazione che riguarda quella città è "all'attenzione del governo". E rassicura: "Non consentiremo che la terza città italiana soccomba ai debiti".

Pnrr
Torna all'inizio del contenuto