Esplora contenuti correlati

Le ZES nel PNRR: la riforma

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, oltre agli investimenti, prevede anche una riforma per semplificare il sistema di governance delle ZES e favorire la cantierabilità degli interventi in tempi rapidi, nonché l’insediamento di nuove imprese. Tale riforma è stata introdotta con il decreto-legge 'Governance e Semplificazioni', approvato dal Consiglio dei ministri il 31 maggio 2021 e modificato in sede di conversione in legge alla Camera dei Deputati, prima della definitiva approvazione avvenuta in Senato.

Ecco quali sono le principali novità introdotte con la riforma.

  • La nomina del Commissario straordinario avviene con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro per il Sud e la Coesione territoriale, d’intesa con il presidente della Regione interessata. Qualora l’intesa non dovesse essere raggiunta entro 60 giorni dalla proposta, il Consiglio dei ministri provvede con deliberazione motivata.
  • L’Agenzia per la Coesione territoriale fornisce supporto ai Commissari con personale tecnico e amministrativo in numero adeguato e supporta la loro attività, garantendo il coordinamento della loro azione e la pianificazione nazionale degli interventi nelle ZES.
  • Il Commissario straordinario può assumere funzioni di stazione appaltante e operare con poteri straordinari in deroga alle disposizioni di legge in materia di contratti pubblici, limitatamente a una realizzazione più efficace e tempestiva degli interventi del PNRR.
  • Si introduce il nuovo procedimento di autorizzazione unica, che sostituisce tutte le precedenti autorizzazioni, concessioni, pareri, ecc., mantenendo il rispetto delle normative in materia di valutazione di impatto ambientale, e consente la realizzazione di tutte le opere, prestazioni e attività previste nel progetto. Essa può costituire, se necessario, anche una variante agli strumenti urbanistici e di pianificazione territoriale, ad eccezione del Piano paesaggistico regionale.
  • L’autorizzazione unica è rilasciata dal Commissario all’esito di un’apposita conferenza di servizi, alla quale partecipano le amministrazioni interessate. I termini per la sua adozione sono dimezzati rispetto a quelli attualmente vigenti e resi perentori: decorso il tempo previsto, gli atti si intendono resi in senso favorevole.
  • Il limite massimo per il credito d’imposta previsto per ciascun investimento all’interno delle aree ZES passa da 50 a 100 milioni di euro. Inoltre, il beneficio fiscale si estende anche all’acquisto di immobili strumentali agli investimenti, anche mediante contratti di locazione finanziaria.

(Aggiornato il 10 agosto 2021)

Torna all'inizio del contenuto