Esplora contenuti correlati

Riqualificazione urbana

Interventi di infrastrutturazione e riqualificazione ad uso civile di edifici e spazi pubblici volti ad ospitare servizi e attività di interesse collettivo, ivi comprese le finalità di rigenerazione delle periferie, di infrastrutture verdi urbane, di strutture per la promozione della pratica sportiva, di miglioramento della sicurezza e legalità dei luoghi.

La riduzione dei divari nell’edilizia pubblica e nella qualità dello spazio pubblico non riguarda solo la direttrice Nord-Sud del Paese, ma anche grandi città-periferie, centri urbani medi e medio-piccoli, aree rurali e di montagna, aree costiere e isole minori. Per aiutare l’efficacia di questi interventi, è necessario un maggior coinvolgimento diretto delle Regioni e delle autonomie locali.

Il FSC 2021-2027 investirà prioritariamente nelle città medie e medio-piccole del Sud e nelle periferie (in sinergia con il nuovo PN “Metro Plus” finanziato con i Fondi strutturali europei, che si concentrerà prevalentemente sui servizi ai cittadini), nonché nella qualificazione e il miglioramento degli spazi pubblici e nel recupero ed efficientamento di edifici pubblici e – per quanto ammissibile – privati. In questo contesto, ecco gli obiettivi strategici che si intende perseguire:

  • aumentare in qualità e in quantità la dotazione di parchi e infrastrutture verdi, spazi e impianti per lo sport, piazze per lo spettacolo;
  • supportare le politiche di Mobilità Urbana Sostenibile in sinergia con gli interventi di riqualificazione degli spazi pubblici aperti (piste ciclabili, percorsi e spazi aperti, spazi intermodali o slow streets per la mobilità su gomma);
  • aumentare la dotazione di edifici residenziali per le fasce deboli e ad alta fragilità, nonché far fronte al fabbisogno di adeguamento energetico e ammodernamento del patrimonio residenziale pubblico;
  • favorire l’ammodernamento, la messa in sicurezza antisismica e idrogeologica e la riqualificazione energetica e impiantistica degli edifici e complessi sportivi pubblici;
  • contrastare i fenomeni di dismissione e degrado di complessi urbani di valenza dimensionale significativa e simbolica;
  • valorizzare e riqualificare i centri minori per contrastarne lo spopolamento (in particolare, nelle aree interne e montane) e trasformarli in hub di innovazione, sperimentazione e ricerca.
Torna all'inizio del contenuto