Esplora contenuti correlati

Energia

Interventi volti a incrementare l’efficienza energetica, anche mediante la diffusione dei sistemi di produzione di energia rinnovabile e delle smart grid, reti e punti di accumulo dotati di tecnologie intelligenti.

Le importazioni energetiche sempre più costose, da ultimo a seguito della crisi ucraina, rendono urgente la necessità di intensificare la produzione nazionale, oltre a diversificare gli approvigionamenti dall’estero, garantendo così la sicurezza energetica del Paese.

Ma il settore energetico evidenzia anche divari territoriali nelle dotazioni e nei livelli di servizio, che solo in parte saranno colmati dagli investimenti previsti nel PNRR. Il FSC dovrà quindi intervenire privilegiando quegli ambiti nei quali i fabbisogni residui rimarranno elevati in merito a efficienza energetica, energie rinnovabili e reti e accumuli. In particolare, sono stati individuati i seguenti obiettivi strategici:

  • migliorare le prestazioni delle strutture produttive meno efficienti e del patrimonio pubblico, agendo in complementarietà con le risorse che il PNRR destina agli edifici privati;
  • promuovere progetti innovativi di generazione eolica offshore, in particolare nei contesti marini del Mezzogiorno;
  • sostenere tecnologie pulite e con elevato potenziale di sviluppo, come l’idrogeno verde e gli elettrolizzatori necessari a ottenerlo, anche in un’ottica di sviluppo di nuove filiere industriali e di riconversione eco-sostenibile del polo siderurgico di Taranto;
  • modernizzare le reti, sia distributive (“smart grids”) sia trasmissive, per accrescerne la resilienza ambientale e la flessibilità adattiva;
  • sviluppare capacità di accumulo di elettricità generata con fonti rinnovabili, in particolare tra la Sicilia e il Mezzogiorno continentale, dove appare più necessario;
  • valutare e sostenere progetti pilota per l’uso di energie geotermiche a bassa entalpia per il riscaldamento industriale e civile.
Torna all'inizio del contenuto