Ecosistemi per l'innovazione al Sud, seconda fase: invio progetti entro il 25 marzo

26 gennaio 2022

Si è conclusa la prima fase della manifestazione d'interesse per la candidatura di progetti volti a creare ecosistemi per l'innovazione nel Mezzogiorno, ossia luoghi di contaminazione e collaborazione tra università, centri di ricerca, settore privato, società civile e istituzioni rivolti allo sviluppo di idee e soluzioni innovative.

Sono state 270 le idee progettuali presentate entro la scadenza prevista del 12 novembre 2021. Di queste, la Commissione di valutazione ne ha giudicato 177 idonee ad accedere alla seconda fase della procedura negoziale. Il nuovo numero è stato rideterminato il 26 gennaio 2022 con un decreto del direttore generale dell'Agenzia per la Coesione territoriale, al quale sono allegati i nuovi elenchi.

>> L'elenco delle idee progettuali giudicate idonee

>> L'elenco delle idee progettuali giudicate non idonee

>> L'elenco delle idee progettuali non ammesse alla valutazione nella prima fase

Ai soggetti che hanno proposto le idee giudicate idonee, è rivolto l'invito a partecipare alla procedura negoziale. Entro il 25 marzo 2022, i proponenti dovranno presentare la domanda di ammissione al finanziamento tramite PEC all'indirizzo manifestazione.ecosistemi@pec.agenziacoesione.gov.it. La scadenza è stata prorogata rispetto alla data prevista precedentemente (quindi non è più il 25 febbraio 2022).

Oltre alla domanda, occorre allegare alla richiesta:

  • l'atto di delega per ognuno dei partner del progetto;
  • la dichiarazione di impegno a costituire il partenariato e a conferire mandato speciale collettivo con
    rappresentanza al soggetto proponente;
  • la progettazione dell'intervento di riqualificazione e rifunzionalizzazione candidato al finanziamento che presenti, almeno, i contenuti della progettazione di fattibilità tecnico economica previsti dall'art. 23 del D.lgs. n. 50/2016, ovvero della progettazione di livello definitivo o esecutivo con i contenuti rispettivamente prescritti dall'art. 24 e seguenti del DPR 207/2010 e dall'art. 33 e seguenti del DPR 207/2010;
  • la relazione sull'analisi costi/benefici secondo il formulario allegato.

Si possono richiedere chiarimenti all'indirizzo e-mail manifestazione.ecosistemi@agenziacoesione.gov.it a partire dal 10 gennaio 2022 e fino al 15 marzo 2022. Le FAQ saranno pubblicate sull'apposita pagina del sito dell'Agenzia per la Coesione territoriale.

Il progetto presentato in questa seconda fase dovrà essere coerente con l'idea progettuale giudicata idonea nella prima fase, costituendone sviluppo tecnico ed economico. In sede di svolgimento della procedura negoziata, anche su richiesta della Commissione di valutazione, sarà comunque possibile rettificare in diminuzione il costo complessivo del progetto, con specifiche motivazioni.

La Commissione di valutazione attribuirà ai progetti presentati un punteggio sulla base dei seguenti criteri:

  1. qualità tecnica del progetto (qualità del progetto di riqualificazione, qualità del progetto in termini ambientali, fattibilità del progetto), fino a 40 punti;
  2. benefici attesi (performance del progetto, altri elementi dell'analisi costi-benefici), fino a 60 punti.

Saranno considerati ammissibili i progetti che otterranno almeno 60 punti, di cui un minimo di 20 nell'ambito A e un minimo di 30 nell'ambito B. Si procederà quindi a stilare la graduatoria e, sulla base di questa, ad attribuire il finanziamento richiesto fino a esaurimento delle risorse.

Sul sito dell'Agenzia per la Coesione territoriale sono pubblicate le FAQ aggiornate al 10 febbraio 2021.

Il bando è finanziato dal Fondo complementare al PNRR con 350 milioni di euro (suddivisi in 70 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2022 al 2026), interamente riservati a contesti urbani marginalizzati delle regioni meridionali.

La particolarità di questo investimento, infatti, risiede proprio nel voler promuovere progetti che tengano insieme il valore innovativo e la riqualificazione e rifunzionalizzazione dei siti nei quali saranno realizzati. Ex aree industriali, edifici storici, fabbricati senza una specifica funzione potranno trasformarsi in luoghi di ricerca e sperimentazione dove impresa, università e amministrazioni lavorano insieme.

In questo modo, sarà possibile ottenere per il territorio benefici sia economici che sociali (attrazione e contrasto alla migrazione di capitale umano altamente qualificato, coinvolgimento dei giovani, formazione dei lavoratori residenti nell'area, promozione delle pari opportunità di genere e generazionali, nonché l'inclusione professionale delle persone con disabilità).

"Con questo avviso vogliamo realizzare due finalità", spiega il ministro Carfagna. "Da una parte, premiamo le competenze e la creatività dei centri di ricerca meridionali, che possono collaborare con aziende, amministrazioni e altri soggetti per elaborare soluzioni innovative e creare effetti positivi sia in campo economico che sociale. Dall'altra, abbiamo scelto di finanziare progetti che avranno sede in luoghi non sufficientemente valorizzati delle città del Sud, così da aiutarne la rinascita".

Sono stati ammessi a partecipare al bando organismi di ricerca (università, enti, ecc.) in collaborazione tra loro e/o con enti locali, imprese e altri soggetti pubblici o privati, in numero minimo di tre. La durata massima dei progetti non può superare i 36 mesi e l'ammontare dell'investimento può variare tra i 10 milioni e i 90 milioni di euro, che potranno essere coperti anche totalmente dal finanziamento statale. I costi ammissibili riguardano: fabbricati e terreni che ospiteranno il progetto, comprese le spese di recupero, ristrutturazione, riqualificazione e ampliamento degli immobili (ma non la manutenzione ordinaria); macchinari, strumenti e attrezzature, con i collegati diritti di brevetto, licenze o altre forme di proprietà intellettuale.

(Aggiornato il 10 febbraio 2022)

Pnrr
Torna all'inizio del contenuto