Esplora contenuti correlati

Verso la programmazione della SNAI 2021-2027

La classificazione dei Comuni italiani è stata aggiornata nella nuova mappatura in continuità con l'approccio teorico e i criteri già adottati. Su queste basi, i Comuni italiani sono stati individuati come:

  • Polo o parte di Polo intercomunale (aggregato di Comuni confinanti), se in grado di offrire simultaneamente un'articolate offerta scolastica secondaria superiore, un ospedale sede di DEA (Dipartimento di emergenza, urgenza e accettazione) di I livello, una stazione ferroviaria di livello Platinum, Gold o Silver;
  • Intermedio, se la distanza dal Polo è compresa tra 27,2 minuti e 40 minuti;
  • Periferico, se la distanza dal Polo è compresa tra 40 e 65,9 minuti;
  • Ultraperiferico, se la distanza dal Polo è pari o superiore a 65,9 minuti.

Rispetto alla classificazione precedente, si conferma la tendenza al declino demografico delle aree interne: se la popolazione della fascia urbana (Poli + Cintura) aumenta dell'1,2%, cala sia quella della fascia intermedia (-1,7%), che in maniera ancor più rilevante quella della fascia periferica (-3,7%) e ultraperiferica (-4,6%). Ciò conferma la necessità di proseguire con politiche mirate per queste aree.

In continuità con quanto sperimentato nel ciclo 2014-2020, la SNAI 2021-2027 procederà con strategie territoriali e corrispondenti progetti integrati d'area definiti da coalizioni di enti locali, supportati da una governance multi livello (Stato, Regioni e associazioni di Comuni). Gli interventi saranno sostenuti dai fondi europei FESR e FSEplus, ma anche da FEASR e FEAMP e da risorse nazionali, legate principalmente al Fondo per lo Sviluppo e la Coesione.

Le iniziative di sviluppo territoriale già individuate nel ciclo precedente potranno proseguire con ulteriori investimenti e interventi, aggiornando le strategie già adottate.

L'obiettivo per il nuovo ciclo di programmazione è adesso di ridefinire le aree sulla base delle variazioni intervenute, nonché di valutare l'opportunità di introdurre nuove aree progetto (anche interregionali).

Le nuove aree progetto saranno selezionate su iniziativa delle Regioni, sulla base della mappatura aggiornata, dando priorità ai Comuni periferici e ultraperiferici e considerando eventuali criticità di particolari aree, nonché la propensione dei Comuni a lavorare in forma associata. Sulla base dell'esperienza 2014-2020, l'indicazione fornita è di evitare aree progetto troppo estese.

Torna all'inizio del contenuto